VACCINO JOHNSON & JOHNSON: L’EMA RITORNA SUI SUOI PASSI!

Sulla base delle prove attualmente disponibili, inclusi i casi gravi di trombosi, di cui uno letale, il Comitato per la Sicurezza dell’EMA ha stabilito che il rapporto rischio-beneficio complessivo del vaccino contro il Covid-19 rimane positivo. Per tale motivo è stato riconfermato il via libera alla commercializzazione del vaccino Johnson & Johnson.

In altre parole i casi si sono verificati in persone di età inferiore ai 60 anni, entro tre settimane dalla vaccinazione, sopratutto nelle donne. Ad una attenta analisi i fattori di rischio specifici non sono stati però confermati.

Più precisamente l’EMA ha osservato che i coaguli di sangue si sono verificati in siti insoliti, come le vene del cervello, dell’addome e nelle arterie, in concomitanza con episodi di sanguinamento e bassi livelli di piastrine nel sangue. I casi esaminati erano inoltre molto simili a quelli associati all’uso del vaccino AstraZeneca e nonostante tutto i benefici complessivi del vaccino Johnson & Johnson rimanevano superiori agli effetti collaterali.

Dott. Andrea Liguori

Dott.ssa Chiara Caridi