Ok alla sperimentazione clinica del Tocilizumab!

Parte oggi, all’Istituto Pascale di Napoli, la sperimentazione del Tocilizumab. Ad annunciarlo ieri, alla conferenza stampa della Protezione Civile, è stato Nicola Magrini, direttore dell’AIFA: “Annunciamo la sperimentazione del Tocilizumab, farmaco per artrite reumatoide; i dati preliminari sono promettenti. Lo studio sarà su 330 pazienti e partirà giovedi per valutare l’impatto del farmaco”.

Infarmiamoci.it

Il gruppo, con a capo gli oncologi Franco Perrone e Paolo Ascierto, userà una piattaforma web, seguendo meticolosamente il protocollo approvato dall’AIFA e dal Comitato etico, dove verranno raccolti tutti i dati dei pazienti colpiti da Covid-19 ricoverati negli ospedali italiani sottoposti a questo trattamento. Qualsiasi ospedale si potrà iscrivere e registrare via internet i pazienti da trattare. Inoltre, attraverso la piattaforma sarà possibile ordinare il tocilizumab direttamente dalla casa farmaceutica Roche che ha deciso di fornirlo gratuitamente alle farmacie dei vari ospedali e cliniche.

Nella sperimentazione si prevede la divisione dei pazienti in due gruppi i quali però riceveranno lo stesso trattamento.

Nel primo gruppo saranno trattati 330 pazienti “intubati da non più di 24 ore” o con i primi sintomi da insufficienza respiratoria. Con questo studio, di fase 2, si vuole valutare la riduzione della mortalità a un mese.

Nel secondo gruppo verranno trattati sia i pazienti intubati o meno trattati prima della registrazione che i pazienti intubati da più di 24 ore. Questo studio vuole invece arrivare a capire se è possibile gestire meglio questa pandemia.

Anche se i risultati sono promettenti è bene adottare la filosofia del dottor Ascierto. “La parola d’ordine in questo momento è cauto ottimismo. Ci sono risultati incoraggianti e la sperimentazione ci dirà attraverso il rigore scientifico se questo farmaco effettivamente ha una sua validità così come sembra dai dati preliminari”.

Insomma, non ci resta che incrociare le dita per il bene di tutti e ancora una volta… RESTATE A CASA!!!!!!!!!!

Dott.ssa Chiara Caridi

Dott. Andrea Liguori

Precedente Farmacisti in trincea: la sicurezza ai tempi del Coronavirus! Successivo Covid-19: 3 potenziali terapie all'orizzonte!