Latte in ombra!!

Si sa da diverso tempo che negli allevamenti intensivi si utilizzano farmaci e antibiotici specialmente per il trattamento della mastite nelle mucche. Sulla base di una ricerca condotta dall’Università Federico II di Napoli e da quella di Valencia, pubblicata sul Journal of Dairy Science, che ha analizzato 56 confezioni di latte italiano, la rivista “Il Salvagente” ha effettuato un test su 21 marche di latte italiano fresco e UHT acquistati nei discount o nella grande distribuzione.

Questo test, ahimè, conferma la ricerca effettuata dalle Università. Sono stati riscontrati infatti tracce di alcuni farmaci in particolare desametasone (corticosteroide), amoxicillina (antibiotico appartenente alla classe delle penicilline), meloxicam (antinfiammatorio). Queste sostanze sono state evidenziate nel 49% dei campioni, in concentrazione compresa tra 0,007 e 4,53 ng/ml. Concentrazioni sicuramente molto basse ma purtroppo non trascurabili, specialmente quando si parla di bambini che assumono maggiori quantità di latte in quanto alimento fondamentale per la loro crescita. Il latte infatti ha un elevato potere nutrizionale ed è una fonte importante di grassi, proteine, lattosio, vitamine, calcio e fosforo.

Infarmiamoci.it

Come afferma Ruggero Francavilla, pediatra gastroenterologo dell’Università di Bari: “L’assunzione costante di piccole dosi di antibiotico con gli alimenti, oltre che aumentare l’antibiotico-resistenza, determina una pressione selettiva sulla normale flora batterica intestinale a vantaggio dei batteri resistenti agli antibiotici che diventano più rappresentati; questa informazione genetica viene trasferita ad altri batteri anche patogeni”.

Possiamo tirare comunque un sospiro di sollievo in quanto la ricerca condotta ha incontrato, nella sua valutazione, anche latti privi di queste sostanze. Tra questi ritroviamo:

  • ARBOREA LATTE INTERO UHT
  • MILA SENZA LATTOSIO UHT
  • CANDIA GRAN LATTE UHT
  • PARMALAT BONTA’ E LINEA PARZIALMENTE SCREMATO UHT
  • GRANAROLO LATTE INTERO UHT
  • PARMALAT ZYMIL ALTA’ DIGERIBILITA’ MAGRO UHT
  • SELEX ALTA QUALITA’ FRESCO
  • STERILGARDA LATTE PARZIALMENTE SCREMATO UHT
  • TODIS COLLE MAGGIO LATTE FRESCO

L’associazione Assolatte precisa: “le analisi sui campioni di latte presi in considerazione confermano la totale assenza di qualsiasi rischio per i consumatori: infatti le micotossine sono risultate completamente assenti in tutti i campioni e le tracce di antibiotici, cortisonici e antinfiammatori ritrovate in alcuni campioni sono su livelli ampiamente al di sotto di quelli di legge”.

E’ vero che è tutto in regola con i limiti di legge ma non sarebbe meglio, per la salute di tutti i consumatori, che in un alimento che si consuma più o meno tutti i giorni non ci fosse proprio traccia di queste sostanze?

Dott.ssa Chiara Caridi

Dott. Andrea Liguori

Precedente Lotta al Coronavirus: l'Italia dei primati! Successivo Coronavirus: primo italiano contagiato!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.