Informazione importante su Ulipristal acetato!

Dopo la comparsa di un nuovo caso di grave danno epatico e conseguente trapianto in una paziente trattata con Ulipristal acetato 5 mg, l’EMA (Agenzia Europea dei medicinali) si è attivata per rivalutare il rapporto rischio/beneficio di questo farmaco. L’Ulipristal acetato, modulatore selettivo del recettore del progesterone, è un medicinale autorizzato in Italia per il trattamento dei fibromi uterini sintomatici ed è a carico del SSN.

E’ importante che il farmaco, per tutta la durata della revisione del rapporto rischio/beneficio, non venga utilizzato.

Dott.ssa Chiara Caridi

Dott. Andrea Liguori

Precedente Avigan vs Covid-19: mezze verità!!! Successivo Gravidanza e Coronavirus