AUGURI MELOXICAM, DA 20 ANNI AL FIANCO DEI NOSTRI ANIMALI!

Quest’anno Boehringer Ingelheim celebra il 20esimo anniversario del meloxicam, il farmaco che ha notevolmente migliorato la qualità e le aspettative di vita di milioni di animali in tutto il mondo. Impiegato all’inizio per la terapia delle patologie canine, col passare del tempo si è dimostrato efficace anche nella cura di molte malattie infiammatorie e dolorose di altre specie animali, quali il porcellino d’india, i suini, gli equini e gli ovi-caprini. Oggi il meloxicam è il farmaco leader nel mondo come antinfiammatorio e antidolorifico per i bovini.

infarmiamoci.it

Nei primi anni ’90 il meloxicam venne usato nell’uomo per la cura dell’artrite reumatoide e del dolore lombare acuto, mentre negli animali fu il primo antiinfiammatorio non steroideo, FANS, ad essere approvato per l’uso nei bovini date le sue proprietà antiinfiammatorie, anti-essudative, antipiretiche e analgesiche.

Esso trova impiego nel trattamento delle patologie respiratorie dei vitelli ed è uno dei farmaci di prima scelta in caso di mastite. Oltre ad essere efficace in questa patologia estremamente dolorosa, il meloxicam utilizzato come terapia di supporto è stato il primo FANS ad avere avuto effetti positivi sulla qualità del latte riducendo la conta batterica dei batteri patogeni, e aumentando la fertilità delle bovine trattate. Tra gli altri effetti indotti dal meloxicam ricordiamo un miglioramento delle condizioni cliniche dei vitelli nei casi di diarrea neonatale, una riduzione del dolore dopo la decornazione nei vitelli, e un importante effetto analgesico nella chirurgia addominale, ad esempio, dopo un taglio cesareo.

Tutto ciò spiega perchè il meloxicam resta ad oggi il farmaco antinfiammatorio più studiato e usato nella terapia degli animali d’allevamento, oltre ad essere un farmaco sicuro e con una lunga durata d’azione!

Dott. Liguori Andrea

Dott.ssa Caridi Chiara

Precedente Nuovi effetti collaterali registrati per un farmaco! Successivo Al via un nuovo progetto per i malati di Parkinson!

Lascia un commento