Addio guerriera, una “iena” dal cuore d’oro!

Oggi siamo qui per te.. per il tuo coraggio, per la tua forza, per la tua simpatia, per il tuo sorriso, per la tua positività, per la tua energia, per la tua vivacità.. ci sentiamo di scrivere queste parole perchè te lo meriti.. perchè sei stata un grande esempio, perchè, come tutte quelle persone che affrontano una guerra, una situazione drammatica e sconosciuta, ci hai insegnato tanto.. hai gestito il tuo dolore e la tua malattia in modo impeccabile, almeno ai nostri occhi, perchè come hai detto tu: “io non piango in pubblico, io piango con i miei amici”..

La notizia della tua morte, appresa stamattina, ci ha letteralmente lasciato senza parole.. sai, per quanto si può sapere quello che si nasconde dietro un male incurabile come il tuo, da quel 2 Dicembre 2017 non abbiamo mai perso le speranze che ti potessi riprendere al meglio da quel “blackout”, come l’hai definito tu.. poi a Marzo 2018 la recidiva e la nuova operazione.. ma sembrava ce l’avessi fatta.. ora, da quasi un mese, non postavi più nulla dalla clinica dove eri ricoverata.. e noi avevamo capito che qualcosa non andava più per il verso giusto.. perchè tu, anche con la testa coperta e il cortisone addosso, davi sempre notizie di te al tuo pubblico..

Fino ad oggi, quando ci hai spiazzati.. ci hai tolto tutte le parole lasciandoci solo il silenzio.. nella tua intervista a “Verissimo” dichiaravi: “Il Signore mi ha dato una sfida che io posso, magari, non vincere ma l’importante è mettercela tutta, combattere sempre”! E tu ce l’hai messa tutta, non hai mai smesso, neanche un attimo, di combattere.. non ti sei mai tirata indietro davanti alla malattia, quella stessa malattia di cui spesso avevi parlato da giornalista e che invece negli ultimi due anni ti aveva vista protagonista.

Ti hanno additata in tanti quando hai parlato del cancro come un dono ma non tutti, purtroppo, hanno capito che hai cercato di trasformare qualcosa che non conoscevi in un dono, in una prova che, affrontata nel giusto modo, ti avrebbe sicuramente spinto a migliorarti e a vivere la vita assaporandola diversamente.. perchè ognuno vive il dolore a modo suo, con la sua sensibilità e la sua personalità..

Pensando a te viene in mente questa frase: “La vita non è una questione di come sopravvivere alla tempesta, ma di come danzare nella pioggia. Sii più gentile del necessario, perchè ciascuna delle persone che incontri sta combattendo qualche sorta di battaglia”. Come tu hai combattuto la tua, sempre con il sorriso, non arrendendoti mai e dando la speranza a tutti coloro che combattono come te che possono farcela.. perchè “non siete malati, siete guerrieri”..

E noi di Infarmiamoci, nel nostro piccolo, vogliamo ricordarti.. perchè, come per i tuoi amici e colleghi, quando ricomincerà nuovamente “Le Iene” e non sarai più li seduta, anche per noi “niente sarà più come prima”..

BUON VIAGGIO NADIA.. CHE IL SORRISO SIA SEMPRE CON TE..

Dott.ssa Chiara Caridi

Dott. Andrea Liguori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.